Il legame tra esoterismo e amore attraverso i secoli: perché è tutt’oggi così forte

Viviamo nell’epoca digitale e della scienza: abbiamo affrontato, negli ultimi decenni, cambiamenti epocali, che hanno decisamente cambiato il nostro approccio alla vita quotidiana. Ma non abbiamo perso l’interesse verso l’esoterismo, la magia, il mistero, tanto che da sempre è legato a doppio filo con l’amore, il sentimento più potente al mondo per eccellenza: studioesotericoprofessionale.com spiega cosa sono i legamenti d’amore e perché questi rituali sono tutt’oggi enormemente richiesti.

Il significato dell’esoterismo

Sembra un ossimoro parlare oggi di esoterismo, ma le pratiche esoteriche ci accompagnano da migliaia di anni. Con questo termine, siamo soliti individuare pratiche occulte e misteriose, che vengono praticate unicamente dagli esperti.

Il termine deriva dal greco esoterikos, che possiamo tradurre con “intimo” o “privato, ed è stato introdotto dall’ occultista Éliphas Lévi. A cosa serve, di preciso? Nei tempi antichi l’esoterismo era un mezzo per spiegare fenomeni che oggi ci appaiono del tutto normali.

Nei rami esoterici, in ogni caso, troviamo il reiki, i tarocchi, l’alchimia, l’astrologia, la numerologia e un aspetto fondante delle pratiche stesse, ovvero la segretezza.

Il legame tra amore e magia

Attraverso i secoli, l’umanità si è dedicata alla pratica in modo concreto, servendosi spesso proprio della natura. Non c’è voluto molto tempo prima che si diffondessero i cosiddetti rituali d’amore: tutt’oggi, vengono praticati e richiesti, in realtà.

Menzionando i legamenti d’amore in particolar modo, sappiamo che possono essere praticati mediante la cosiddetta Magia Rossa: solitamente vengono scelti nel momento in cui c’è un problema d’amore da risolvere.

Questo è il caso di abbandoni e allontanamenti, calo di interesse reciproco, possibili tradimenti o divisioni, così come incomprensioni nella coppia. Ed è qui che la magia è diventata un punto di riferimento per l’umanità nel corso dei secoli.

Il trend degli incantesimi d’amore

Possiamo considerarli una tendenza? In parte, sì. C’è chi crede profondamente nell’intervento della magia, chi invece esprime le sue titubanze. Molto dipende anche dalla capacità proprio di credere nelle pratiche, che parrebbe fare la differenza, perché lo scetticismo non agevolerebbe il rituale stesso.

Di fatto, sappiamo che il legame d’amore presenta una finalità: migliorare il rapporto fisico e amoroso di due persone, spesso allontanando eventuali terze presenze. Anzi, in alcuni casi viene richiesto proprio per questo motivo, ovvero l’intromissione di una terza persona.

Ritrovare la passione: serve davvero un pizzico di magia?

Chissà. Non abbiamo mai smesso di effettuare pratiche e rituali. Non ci riferiamo solamente ai riti effettuati da professionisti del settore – perché bisogna assolutamente evitare i truffatori – ma anche piccoli incantesimi che possiamo praticare durante la vita quotidiana.

Prendiamo come riferimento la tradizione irlandese del Wish Tree, che suggerisce di legare un nastro verde ai rami di una pianta di biancospino: un piccolo rito da fare con il partner, per stare insieme per sempre.

Ci sono persino degli oli da massaggio afrodisiaci per coadiuvare la passione, o usare le rose bianche e rosse, così come anelli in oro, argento e rame, in un rito per riaccendere il “fuoco” nella relazione.

Il legame tra esoterismo e amore è sempre stato forte, dunque, e probabilmente lo sarà per sempre. Ma, dopotutto, cosa sarebbe la vita senza un pizzico di mistero?

5 consigli per l’arredamento della cucina

Affrontare le fasi di restyling della casa richiede grande sforzo per compiere le infinite valutazioni, soprattutto in cucina. Se siete alla ricerca di spunti e consigli per darle un tocco di stile e funzionalità, in questo articolo vi sveliamo 5 suggerimenti per arredare la vostra cucina in modo ottimale, dal punto di vista estetico e pratico, sulla scia dei trend più attuali.

Che siate amanti dello stile moderno o di quello classico, combinando ingegnose soluzioni salvaspazio, illuminazione mirata e dettagli decorativi accattivanti, potrete creare un ambiente che ispiri le vostre creazioni culinarie e stupisca i vostri commensali.

1)   Pianificare con cura lo spazio disponibile

La progettazione dell’arredo interno di un ambiente cucina deve assolutamente partire dall’analizzare con attenzione lo spazio a disposizione. Bisogna quindi misurare le dimensioni della stanza, sia la superficie che l’altezza per avere contezza dei volumi; identificare gli angoli, gli spazi liberi e quelli da sfruttare, per delineare al meglio la disposizione dei mobili e degli elettrodomestici.

È consigliabile il ricorso a soluzioni su misura che vadano a personalizzare l’utilizzo di ogni centimetro quadrato. Ad esempio, anche in cucina è possibile adoperare in un modo sapiente delle scaffalature a parete per riporre stoviglie e dispensa, o pensili a tutta altezza** per guadagnare spazio con lo sfruttamento del volume in verticale.

Prestate molta attenzione anche a lasciare adeguati spazi di passaggio tra i vari elementi, per muovervi liberamente e in sicurezza all’interno della cucina.

2)   Mantenere una coerenza estetica

Una volta definita la disposizione degli elementi nello spazio tridimensionale, è il momento di concentrarsi sull’aspetto estetico del vostro ambiente cucina. Scegliete uno stile ben definito, che doni carattere alla zona e si rifletta in tutti i componenti: dai mobili ai rivestimenti, passando per le cappe a parete moderne e di design per dare conforto e raffinatezza, fino agli accessori.

Per gli amanti dello stile classico, si prospetta l’uso di colori caldi come il beige, il crema o il verde oliva, abbinati a materiali naturali e sostenibili come il legno. Per chi opti per un look più contemporaneo, invece, si punta su toni di colore neutri come il grigio, il bianco o il nero, esaltati da finiture lucide o metalliche.

Un’estetica coerente ai quattro angoli dell’ambiente conferirà alla vostra cucina un aspetto armonioso e raffinato, che rispecchi il vostro gusto personale e lo stile di vita degli abitanti di casa.

3)   Illuminazione mirata per creare atmosfera

L’illuminazione è oggi più che mai uno degli strumenti per eccellenza per valorizzare l’arredo della cucina e creare la giusta atmosfera. Allora, non risparmiatevi nel ricorso alla combinazione di luci dirette e indirette, in modo da ottenere una luce uniforme e funzionale.

Posizionate led strips faretti a incasso sotto i pensili per illuminare le zone di lavoro, come il piano cottura e il lavello. Completate l’impianto con lampadari o sospensioni di design che fungano da punto luce principale.

4)   Scegliere mobili funzionali e di qualità

I mobili sono l’elemento cardine dell’arredo della cucina, quindi meritano un’attenta selezione. È bene sempre puntare sulla qualità di soluzioni realizzate con materiali resistenti e durevoli nel tempo.

Valutate scrupolosamente le dimensioni e la disposizione dei vari elementi: basi, colonne, pensili, isole o angoli cottura, in modo da garantire massima praticità e capacità nei movimenti.

5)   Personalizzare con dettagli decorativi

L’ultimo step per arredare una cucina perfetta è l’integrazione di elementi decorativi. Questi accessori, infatti, apportano un tocco di stile oltre ad aumentare la funzionalità dell’ambiente.

Ecco quindi che si può scegliere tendaggi, tappeti o runner che richiamino i colori e lo stile della cucina. Aggiungete piante verdi o fiori freschi per creare un’atmosfera più accogliente e rilassante.

Infine, non dimenticate di valorizzare le pareti con quadri, lavagne o mensole che ospitino oggetti di design, specchi o piccoli elettrodomestici.

Maschere per terapia CPAP: scelta e cenni di manutenzione

Con l’espressione terapia CPAP si fa riferimento a un trattamento con finalità mediche che serve ad aiutare le persone che hanno difficoltà respiratorie a causa di una condizione patologica temporanea o cronica (polmonite, apnea notturna, BPCO, pneumopatie restrittive od ostruttive ecc.).

CPAP è un acronimo dei termini inglesi Continuous Positive Airway Pressure, vale a dire Pressione Positiva Continua delle Vie Aeree.

Per la somministrazione della terapia si utilizzano i ventilatori CPAP, apparecchi medicali di dimensioni piuttosto contenute costituiti da un corpo centrale (che contiene il ventilatore vero e proprio), un tubo flessibile di materiale plastico e una maschera facciale, nasale od oronasale; di norma è presente anche un umidificatore che serve a contrastare la secchezza di naso e gola, problematica tipica quando ci si sottopone alla ventilazione artificiale.

Una volta che il dispositivo CPAP viene acceso, eroga aria che passa attraverso al tubo collegato alla maschera indossata dal paziente.

Esistono varie maschere CPAP la cui scelta dipende dalla specifica situazione del paziente. Comunque sia, dal momento che si tratta della parte che sta a contatto con il soggetto, è fondamentale che essa garantisca il massimo comfort possibile, soprattutto in quei casi in cui debba essere indossata per molte ore al giorno se non addirittura di continuo; è altresì importante che il materiale di cui è costituita sia anallergico.

La scelta della maschera

La scelta della maschera giusta è di fondamentale importanza per il paziente; si deve infatti trovare la soluzione che minimizzi il più possibile l’inevitabile disagio.

Le tipologie di maschera sono essenzialmente tre: nasali, con olive nasali (nasal pilows, cuscinetti nasali) e oronasali.

La maschera CPAP più usata in assoluto è quella nasale che avvolge totalmente il naso; quella con olive nasali viene invece posizionata sopra il labbro superiore e i cuscinetti, chiudendo il naso, erogano l’aria nelle cavità nasali; quella oronasale è la più ingombrante delle tre poiché copre sia il naso che la bocca; è una soluzione più “invasiva”, ma risulta necessaria in quei casi in cui il paziente non ha un’efficiente respirazione con il naso.

È importante fare alcune prove prima di scegliere il modello di maschera; un giusto comfort è infatti molto importante, soprattutto in quei casi in cui il dispositivo debba essere indossato per la maggior parte della giornata.

Pulizia e manutenzione della maschera

La pulizia e la manutenzione della maschera sono fondamentali per la salute del paziente ed è quindi importante prestare loro massima cura. I tecnici dell’azienda che fornisce il dispositivo illustreranno le manovre necessarie per una corretta pulizia; è poi importante seguire le indicazioni riportate nel libretto di istruzioni del dispositivo.

In linea di massima, per effettuare una corretta pulizia si devono smontare le varie parti della maschera e pulirle con acqua non eccessivamente calda (30 °C circa) e un sapone neutro. Può essere d’aiuto utilizzare uno spazzolino con setole morbide per rimuovere i residui più difficili da eliminare.

L’asciugatura deve essere fatta con un panno in microfibra dopodiché i vari componenti devono essere lasciati ad arieggiare prima di rimontarli; ciò serve a eliminare i residui di umidità. Non è consigliabile effettuare l’asciugatura esponendo i componenti a fonti di calore come stufe, termosifoni ecc.

In alcuni casi, potrebbe essere necessario sostituire i componenti, per esempio se si notano ingiallimenti del materiale plastico, la presenza di crepe o una perdita di elasticità, cosa quest’ultima che potrebbe compromettere la corretta aderenza della maschera al viso.

Per quanto riguarda la sostituzione periodica dei componenti, sarà l’azienda fornitrice a dare indicazioni in proposito.

Una corretta pulizia e l’attenzione alla manutenzione garantiscono l’efficienza del dispositivo e una sua maggiore durata.

Scienze in quarta elementare: le attività più divertenti per imparare

Il programma di scienze di quarta elementare prevede di studiare la materia e com’è composta, di approfondire gli elementi principali come aria e acqua e di studiare il ciclo dell’ultima, di analizzare i principali fenomeni atmosferici, per dedicarsi infine a esplorare il regno animale, quello vegetale e dei funghi e gli equilibri degli ecosistemi. Tutti argomenti, non è necessario avere grande familiarità con l’insegnamento per rendersene conto, che si prestano bene a essere affrontati, oltre che con tradizionali lezioni frontali e teoriche, anche con semplici esperimenti e attività interattive. Gli ultimi hanno il pregio di coinvolgere gli studenti, risultando meno noiose e a tratti molto divertenti e di certo memorabili. Ecco, allora, quattro attività originali di scienze da proporre in quarta elementare.

Quattro attività per l’ora di scienze in quarta elementare

Ecco, allora, quattro attività originali di scienze da proporre in quarta elementare.

Disegnare e colorare la cellula

Una delle più semplici, ma non per questo meno efficaci, è disegnare la cellula vegetale o animale a seconda della parte di programma affrontata. Più dettagliato sarà il disegno e più semplice sarà per i piccoli studenti, anche grazie ai colori e alla memoria visiva, ricordare nomi, posizioni e funzioni delle varie componenti. Un disegno muto della cellula può essere, per altro, un’ottima prova di verifica di scienze per la quarta elementare: quello che si richiederà allo studente in questo caso è di scrivere al posto giusto il nome delle singole parti della cellula e/o di eliminare quelle che non sono presenti nel particolare tipo di cellula rappresentata.

La formazione dei cristalli in barattolo

Un esperimento curioso da proporre alla propria classe quando si sta studiando la struttura della materia e, in particolare, come si formano i cristalli è quello che permette di osservare in barattolo la formazione dei cristalli appunto. Bastano acqua e bicarbonato o, meglio ancora, sali da bagno: dopo aver fatto scogliere completamente gli ultimi in acqua calda (non bollente: basta all’incirca una temperatura di 60°), si lascia risposare la soluzione per almeno ventiquattro ore, osservando nel frattempo come si vanno formando cristalli di dimensioni diverse. Qualche goccia di colorante alimentare può semplificare l’osservazione.

Terrari e insettari

Costruire un terrario o un insettario sono attività perfette da svolgere nell’ora di scienze quando, in quarta elementare, si studiano il regno delle piante o quello animale. Si tratta, semplificando molto, di ambienti in equilibrio e che mostrano come piante e animali provvedono alla propria sopravvivenza. Con un po’ di pratica se ne possono realizzare di perfetti partendo da materiali facili da reperire come terriccio e talee. La componente indispensabile è un vaso o una bottiglia trasparente che consenta di osservare bene cosa succede giorno per giorno all’interno del terrario o dell’insettario.

Il vulcano fai da te

Quando il programma di scienze di quarta elementare prevede di studiare gli ecosistemi, e più in particolare i vulcani, l’esperimento perfetto da proporre alle proprie classi per capire meglio come funzionano le eruzioni è costruire un vulcano fai da te. Bastano bicarbonato e aceto o succo di limone. Il risultato, specie se si è costruito un cono di sabbia o di terra da cui simulare la cascata di lava, è tanto scenografico che difficilmente gli alunni lo dimenticheranno e non saranno entusiasti di seguire la lezione su vulcani e terremoti.