Classe energetica del condizionatore: come si legge e perché è importante

0

La classe energetica è fondamentale quando devi scegliere il tuo condizionatore. Sbaglia di grosso chi crede che non sia fondamentale, poiché un condizionatore che ha una classe energetica non è efficiente, come spiegato di seguito nei paragrafi. Continua a leggere per capire anche come si legge la classe energetica!

Come si legge la classe energetica

La classe energetica è la misura che indica il consumo energetico. È formata da una lettera e da una barra colorata come un semaforo. Più la lettera si avvicina all’inizio dell’alfabeto, meglio è. Significa che gli elettrodomestici che consumano meno sono quelli A o superiori come A+ o A++.

La seconda parte è una semplice colonnina colorata: verde va bene e, infatti, accompagna spesso la lettera A. Più il colore va verso il rosso, maggiori sono i consumi. Giallo e arancione sono livelli di consumo intermedi fino al rosso che, di solito, accompagna la lettera G, cioè la più bassa.

Oggi la classificazione energetica così fatta si utilizza anche per gli appartamenti per capire quanto è il loro livello di consumi energetici dell’intero impianto elettrico.

Perché sceglierla con attenzione

Il tecnico della manutenzione e assistenza condizionatori a Roma consiglia di fare sempre attenzione alla classe energetica del condizionatore perché altrimenti hai in casa una apparecchio che consuma un sacco di energia per funzionare.

Alla fine del periodo, arriva nella bussola delle lettere una bolletta con un importo altissimo da pagare, rischiando di pesare eccessivamente sul bilancio famigliare. Chi non sceglie con attenzione, corre correttamente questo pericolo.

Inoltre, chi ha un condizionatore che consuma un sacco di energia ha problemi ad accendere altri elettrodomestici allo stesso tempo. Infatti, la compagnia elettrica fornisce un tot di energia elettrica e non è possibile superarla. Se si accendono elettrodomestici che consumano troppo tutti insieme, è facile che il contatore della luce salti perché la richiesta di energia è eccessiva. Diventa impossibile, per esempio, accendere il condizionatore e il forno contemporaneamente.